Davide contro Golia…

 
… Dopo cinque giorni di lavoro durissimo, in un’atmosfera che si taglia a fette, in attesa di domani ultimo giorno  di questa settimana di merda che cosa poteva mai capitare? Ovvio… qualche ora di lavoro anche stasera, per un’urgenza.
 
Prima reazione: ma porca miseria, proprio stasera che avevo finalmente a disposizione qualche ora di santa pace???
 
Poi ovviamente mi sono vergognata di me stessa e dei miei pensieri.
 
Non so chi sia, se uomo o donna, se giovane o meno giovane… so però per certo che è in pericolo di vita, che ha bisogno di me, della mia esperienza, della mia competenza per affrontare nelle condizioni migliori un trapianto di organo che forse salverà la sua vita. So che di fronte a questa persona indifesa la cui vita è appesa ad un filo dimenticherò la mia stanchezza ed il mio nervosismo, il mio rancore verso chi sta distruggendo la mia serenità, so che dimenticherò il mio desiderio di riposo e mi darò da fare senza risparmiarmi, in barba a chi considera gli infermieri una pidocchiosa miserabile massa di operai che aspirano solo a timbrare il cartellino ed andarsene a casa in attesa del 27.
Sono amareggiata, delusa, schifata. Ma so di essere una brava infermiera, e di avere molta più classe e coscienza di chi in questo momento sta usando tutto il suo potere per schiacciare me ed i miei colleghi. Sono felice di essere una miserabile operaia, se questo significa avere ancora un cuore, una testa che ragiona, la capacità di non farmi accecare dal potere e dalla rabbia di essere stato sfidato.
 
Già una volta  un piccolo Davide ha battuto un enorme Golia.  La storia a volte si ripete… chissà.
 
 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La mia vita. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Davide contro Golia…

  1. paola ha detto:

    Anna,l\’hai detto tu.lo stress che stai incamerando da un po\’ di tempo a questa parte(mettici poi anche la morte di Alessandro).mettici il fatto che dedichi la tua vita all\’amore per il prossimo,e non solo per il lavoro.gia\’ il fatto che l\’hai capito di quel pensieraccio la dice lunga.molte persone hanno bisogno di te,e tu di loro,ma non per il lurido stipendio che percepisci,ma perche\’ ti fa sentire bene,ti gratifica,il fatto di esserti donato a qualcuno,per migliorarle la vita.ti abbraccio caramente……………….

  2. patrizia ha detto:

    cara Anna, non ti dico niente, solo che molte anna infermiera ci vorrebbero a questo mondo. ti abbraccio cara cugina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...